Milano rivive il 1976 a Parco Lambro

Nel 1976 a Parco Lambro si svolgeva il terzo Festival del Proletariato Giovanile, organizzato dalla rivista “Re Nudo”, passato poi alla storia come il grande rito di passaggio dagli anni del sogno agli anni di piombo. Tra i quattrocento mila partecipanti c’era anche Mario Mieli che con il suo grido “Lotta dura contro natura!” scatenò nella folla sentimenti contrastanti, scandalo e apprezzamento.

Continua a leggere

Annunci

La prima settimana di riprese in dieci foto

IMG_9780 copia

Le comparse del primo giorno di riprese al Liceo Parini

È passata la prima settimana di riprese del film a Milano. Il racconto della vita del “nostro” Mario Mieli prende lentamente forma con emozione. E intanto anche il set diventa un appassionante racconto. In dieci scatti, ecco alcuni ricordi del backstage della prima settimana, con i protagonisti davanti e dietro la macchina da presa.

Continua a leggere

La visita sul set di Sky TG24: il servizio di Sabrina Rappoli

Schermata 2018-08-24 alle 11.29.44Il terzo giorno di riprese il set di “Gli anni amari” ha accolto la troupe di Sky TG24. Sabrina Rappoli ha dialogato con  il regista Andrea Adriatico e gli attori Antonio Catania e Nicola Di Benedetto.

Ecco il servizio:

http://video.sky.it/news/spettacolo/mario-mieli-e-gli-anni-70-nel-film-gli-anni-amari/v442556.vid

Dove si sta girando “Gli anni amari”: le architetture di Milano

DSC_1603

Gli interni di Casa Melandri

“Gli anni amari” non è solo un film di storie personali e collettive, ma anche un film di luoghi, di spazi architettonici che si offrono allo sguardo come straordinarie location evocative. E’ il caso delle prime due location utilizzate nei primi giorni di riprese a Milano. Da una parte il Liceo Parini, che unisce la tradizionale monumentalità con il rigore architettonico fascista (fu inaugurato negli anni ’30), e dall’altra Casa Melandri, un gioiello di Giò Ponti, realizzato negli anni 50.

Continua a leggere

Le foto del primo giorno di riprese al Liceo Parini di Milano

IMG_9828«Chi sovra l’alta mente il cor sublima
meglio se stesso e i sacri ingegni estima»
(Parole incise nell’atrio di ingresso del liceo Parini, tratte dall’ode “La Gratitudine” di Giuseppe Parin)

Il Parini è un liceo che ha gran fama: vanta docenti illustri (da Cesare Beccaria a Carlo Emilio Gadda) e studenti celebri ( da Alessandro Manzoni a Franca Valeri).

Tante le vicende nel corso del tempo, ricordiamo quella del 1966, lo scandalo del giornale “La zanzara” edito dagli studenti, che pubblicò un’inchiesta sull’educazione sessuale: tre redattori della rivista furono denunciati per stampa oscena e corruzione di minorenni.

Questo liceo è stato frequentato anche da Mario Mieli. E proprio qui son cominciate le riprese di Gli anni amari: in esclusiva, le prime foto dal set e il saluto del regista Andrea Adriatico ai lettori del blog.

Continua a leggere

Le foto della prova costumi

IMG_0572

Manca pochissimo al primo ciak, le riprese cominceranno lunedì 20 agosto a Milano e lo spirito degli anni Settanta è con i nostri attori e la nostra troupe.

Qui i primi scatti delle prove costumi con alcuni degli attori principali e gli assistenti costumisti Francesco Ceo Vittoria Coppolecchia. I costumi del film sono di Andrea Barberini.

Continua a leggere

Il “nostro” Mario Mieli

mario mieli al sex poetry festival 4 - 1979 ph fabrizio garghetti

Gli anni amari è l’attraversamento di un’epoca, di quei vitali, difficili, creativi, dolorosi e rimossi anni ’70.
È anche la rievocazione di un necessario movimento per i diritti, come quello omosessuale, che doveva inventare forme nuove per farsi riconoscere.
Ed è soprattutto il ritratto di un ragazzo la cui genialità, la cui libertà interiore e la cui gioia di vivere erano troppo intense per il mondo che lo circondava.
Gli anni amari è tutto questo, o almeno cerca di esserlo.

Continua a leggere

Il lavoro di sceneggiatura: verso l’animus di una storia diversa

verasani al lavoro 1Quando circa un anno fa sono stata chiamata dal regista Andrea Adriatico a lavorare al progetto di un film su Mario Mieli, avevo già collaborato con lui nella stesura di due drammaturgie teatrali per gli  spettacoli Bo-Boheme e Chiedi chi era Francesco, prodotti da Teatri di Vita, e quindi conoscevo il suo stile, il suo modo di lavorare, avevo visto i suoi film precedenti e, oltre alla stima, nel frattempo è cresciuta anche una bella amicizia.

Continua a leggere